Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie. Per maggiori informazioni su come escludersi dalla raccolta dati, leggere questa pagina.

  • CHIEDI UN CONSULTO ORTOPEDICO  ON LINE
     
    CERCA  TRA I CONSULTI  GIA' FORNITI
     
    LEGGI  TUTTI I CONSULTI
     
    CERCA  UNA PAROLA NEL GLOSSARIO
     
    PRENOTA UNA VISITA
  • OPPURE PRENOTA SU

                                    dottori.it

  •  
    ASSOCIAZIONE PER I MEDICI ACCUSATI DI MALPRACTICE INGIUSTAMENTE - A.M.A.M.I. 
    Vai al sito 

     

    LA RMN NON SERVE A NIENTE SENZA LA VISITA SPECIALISTICA

    Leggi subito QUI

     

    ERNIA DEL DISCO

    Intervista alla Radio  del 20/2/2014

    Clicca QUI

     

    DOLORE, NON TI SOPPORTO PIU'!

    Lo dice la Legge 38/2010

    Clicca QUI 

     

    IL TUO MEDICO È DAVVERO UN MEDICO?  E IL DENTISTA? 

    nella sezione "Links" oppure clicca QUI

     _________________________
     
  • Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
    Verifica qui.

  •  

    Protected by Copyscape Web Plagiarism Detector

  • Push 2 Check

OSTEOCONDRITE DISSECANTE DEL GINOCCHIO

L'osteocondrite dissecante del ginocchio  è un processo patologico caratterizzato dal distacco, parziale o totale, di un frammento di cartilagine o di osso+cartilagine  da una superficie articolare convessa.


Il termine "osteocondrite” non è del tutto corretto dal momento che  non vi è all'origine della lesione un processo infiammatorio, anche se la causa della malattia non è sempre certa: si tratta di una patologia a eziologia multifattoriale e in un singolo caso possono essere presenti uno o più fattori.


Il quadro clinico è scarso: se il frammento è ancora in situ  le lesioni condrali od osteocondrali sono asintomatiche o quasi, e vengono rilevate casualmente con RMN o TAC o all'artroscopia. Se invece si tratta di corpo libero intrarticolare, si possono avere blocchi articolari brevi e molto dolorosi, ai quali si accompagna spesso versamento articolare e zoppìa.


La diagnosi si pone clinicamente con specifiche manovre, che però non sono sempre positive, e con esami strumentali: la radiografia e la RMN con Gadolinio.


Il trattamento si basa su vari fattori ( sull'età del paziente, la sede e l'estensione della lesione, ecc), e può essere conservativo ma più spesso chirurgico, in relazione con lo stadio della lesione.


La prognosi è buona nei bambini, in cui si assiste spesso alla guarigione; negli adulti invece  un danno cartilagineo o osteocartilagineo a carico dell’articolazione del ginocchio viene generalmente considerato come una degenerazione preartrosica.


La American Academy of Orthopaedic Surgeons ha pubblicato le Linee Guida e l' Evidence Report su "Trattamento e diagnosi dell'Osteocondrite Dissecante" consultabile in Inglese:
"The Diagnosi and Treatment of Osteochondritis Dissecans. Guideline and Evidence Report" (adopted by the AAOS Board of Directors, December 04, 2010"

 

©Copyright 2010-Umberto Donati